ArtEconomy24

57ª Biennale d'arte: la crescita dei visitatori (+…

Musei e biennali

57ª Biennale d'arte: la crescita dei visitatori (+ 23%) si rifletterà sui risultati 2017

Paolo Baratta e Christine Macel (Photo by Jacopo Salvi / courtesy of La Biennale di Venezia)
Paolo Baratta e Christine Macel (Photo by Jacopo Salvi / courtesy of La Biennale di Venezia)

Cala il sipario sulla la 57ª Esposizione Internazionale d'Arte – “Viva Arte Viva” - organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta e curata da Christine Macel che, sulla base dei numeri, ha richiamato un'elevata affluenza di visitatori con un aumento del 23% sul 2015. Durata poco più di 6 mesi, la Mostra si è chiusa con oltre 615mila visitatori (per la precisione 615.152) a cui si aggiungono 23.531 presenze nel corso della vernice.
I visitatori sotto i 26 anni hanno rappresentato il 31% del totale e, in particolare, gli studenti che hanno visitato la Mostra in gruppo sono stati il 15% del totale dei visitatori.

Bilanci a confronto. Per un confronto omogeneo con i dati, non solo quelli di bilancio, occorre fare un'analisi per anni alterni che corrisponde alle rispettive manifestazioni delle Biennali di arte e architettura, in base del principio dell'equilibrio economico su base biennale.

Sulla base di questo principio il risultato positivo del 2013 ha rafforzato patrimonialmente la Fondazione che ha potuto far fronte al risultato negativo del 2014 e per lo stesso principio il risultato 2015 ha sostenuto i conti del 2016 che si sono chiusi con una perdita di 2,9 milioni di euro.

Pertanto per effettuare un'analisi dei risultati abbiamo utilizzato i dati del 2015 anno che si è tenuta la 56ª Biennale d'arte. Nel 2015, nei quasi sette mesi di apertura la 56ª Esposizione internazionale d'Arte curata da Okwui Enwezor “All the World's Futures” si era chiusa con 501.502 visitatori rispetto ai 475mila dell'edizione curata da Massimiliano Gioni nel 2013, a cui vanno aggiunti i 24.065 visitatori presenti durante la vernice. I giovani e gli studenti sono stati il 31% di visitatori totali.
La gestione 2015 si era chiusa con un utile netto di 2,73 milioni di euro (1,9 milioni nel 2013 anno della 55ª Biennale d'arte curata da Gioni) al quale aveva contribuito un valore della produzione pari a 39,8 milioni (37,4 milioni nel 2013), di cui i ricavi propri che comprendono, oltre alla biglietteria, le royalty, le sponsorizzazioni, sono stati pari a 21,7 milioni, il 55% del valore della produzione.

Sul fronte dei costi il 2015 ha evidenziato oneri per 37 milioni mentre il budget 2017 indica per le spese correnti un ammontare pari a 36,9 milioni e 3,4 milioni di spese in conto capitale per un totale di 40,3 milioni.
A livello patrimoniale i mezzi propri a fine 2016 erano pari a 35,4 milioni, mentre a fine 2015 la Fondazione poteva contare su mezzi propri per 38,4 milioni.

Sponsor. Sul fronte delle sponsorizzazioni la 57ª Mostra è stata realizzata con il sostegno di Swatch, partner della manifestazione, Artemide, JTI (Japan Tobacco International), Vela-Venezia Unica, Bloomberg Philanthropies, illycaffè, COIMA, i-AMFoundation e Trenitalia Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. In particolare la Biennale ha riproposto, con il sostegno di JTI (Japan Tobacco International), il “Progetto Accessibilità» rivolto agli utenti e ai relativi operatori di comunità educative e terapeutiche prevalentemente del nord Italia, categorie abitualmente meno coinvolte nella fruizione di mostre ed eventi culturali. Il progetto ha offerto attività a titolo completamente gratuito - incontri preparatori, visite guidate e laboratori - condotte da operatori formati dalla Biennale di Venezia in accordo con i centri e le comunità aderenti e ha coinvolto circa 1.300 utenti e sono state organizzate 80 attività fra visite guidate e laboratori didattici.

I numeri della 57ª Biennale d'arte
120 artisti invitati alla Mostra
86 partecipazioni nazionali
30 partecipazioni nazionali nei padiglioni storici ai Giardini
23 (con Italia) partecipazioni nazionali all'Arsenale
33 partecipazioni nazionali nel centro storico di Venezia
3 nazioni presenti per la prima volta sono: Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria.
3 nazioni che partecipano dopo una lunga assenza: Stato Plurinazionale della Bolivia
(ultima volta da solo 1966 poi con I.I.L.A), Malta (ultima volta 1999), Tunisia
(prima e ultima volta 1958)
1 Progetto Speciale (Padiglione delle Arti Applicate in collaborazione con il Victoria
and Albert Museum di Londra)
23 Eventi collaterali

© Riproduzione riservata