Moda24

Beauty routine, il segreto per una pelle in primo piano

skincare

Beauty routine, il segreto per una pelle in primo piano

Dobbiamo probabilmente ringraziare le donne orientali, per la precisione le giapponesi e ancora di più le coreane, per il ritorno dei protocolli di pulizia e cura della pelle. Da loro, sono previsti addirittura fino a dieci – sì, dieci – passaggi con altrettanti prodotti: dallo struccante (in olio e poi in gel schiumogeno, la cosiddetta doppia detersione) passando per l'essenza, formula ibrida a metà strada tra il tonico e il siero, senza dimenticare l'applicazione della sheet mask (maschera in tessuto-non-tessuto), fino all'idratante e, la mattina, la crema con Spf.

Complessivamente, il rituale serale può durare quasi un'ora: un vero lusso, per noi italiane. In realtà, non tutti i passaggi sono obbligati, anzi: ogni donna può e deve selezionare quelli imprescindibili a seconda del tipo di pelle.

L'individualità, il concetto principale

Ed è proprio qui la chiave di lettura: il tipo di pelle, l'individualità, il concetto di ad personam – da associare alla routine ben articolata, come sottolinea Sofia Bronzato, medico chirurgo esperto in medicina estetica presso lo studio Lambrododici a Milano: «Prima di prescrivere un protocollo domiciliare di cura per la pelle, è utile un'anamnesi fisiologica, familiare, patologica: soltanto alla fine posso consigliare il detergente, il trattamento giorno e quello per la notte, più i complementari.

Ho trovato una linea completa ed efficace in RégimA, una delle poche a proporre una formula per la notte in grado di agire in profondità per affinare la pelle (si chiama Omega High Impact Night Complex)».

Formule per target precisi

C'è di più: «Può succedere che anche le diverse aree di un unico volto abbiano problematiche differenti. Ad esempio, zone iperpigmentate sulle quali insistere con un siero schiarente, zone più lucide e seborroiche da trattare con prodotti specifici - precisa il dottor Umberto Borellini, cosmetologo -. Perciò l'occhio di un esperto che consigli i prodotti ad hoc fa la differenza».

Il vantaggio di scegliere prodotti appartenenti allo stesso brand sta anche nella sinergia e compatibilità degli attivi, dal detergente al siero fino alla crema per la notte. Della stessa idea è Cristina Fogazzi, meglio conosciuta come l'Estetista Cinica, che sottolinea i due concetti anche nella sezione Shop del suo sito, dove sottopone la consumatrice al test “Che pelle hai?” prima di proporre la beauty routine più adatta.

In profumeria, è la stessa filosofia che da decenni segue Clinique quando il consulente in camice bianco prescrive le tre fasi del Sistema di cura elaborato da dermatologi: Facial Soap, Clarifying Lotion e DDM – la Dramatically Different Moisturizing formula, in lozione, crema o gel oil-free per idratazione e protezione su misura.

Così d'ora in poi, quando ci innamoreremo di una crema lussuosa, avremo ottime ragioni per regalarci l'intero protocollo studiato in modo tailor-made sulla nostra pelle, magari seguendo pedissequamente l'esempio coreano.

© Riproduzione riservata