Italia

Campo progressista e Alternativa popolare, ecco i riposizionamenti dopo i…

verso le elezioni

Campo progressista e Alternativa popolare, ecco i riposizionamenti dopo i no a Renzi

L’area dei partiti di centro-sinistra appare più che mai come un corpo fluido. Dopo la rottura dell’alleanza di Pisapia con il Pd, Campo progressista sta velocemente cercando di riposizionarsi. Andando però incontro a un’inevitabile scissione. Da un lato c’è l’ala sinistra, da Ciccio Ferrara a Marco Furfaro che si sta orientando verso “Liberi e uguali” di Pietro Grasso. Dall’altro lato ci sono i centristi come Bruno Tabacci e gli ex prodiani come Franco Monaco, che restano legati all’alleanza con i Dem. Allo stesso modo Ap, dopo l’annuncio di Alfano che non si ricandiderà, si avvia a una scissione tra chi sceglierà i Dem e chi andrà con Fi.

Il riposizionamento di Campo progressista
La parte centrista di Campo progressista si avvia a restare nell’orbita del Pd. Con ogni probabilità, Bruno Tabacci, Franco Monaco e altri esponenti si uniranno a Leoluca Orlando, ex Sel come il sindaco di Cagliari Zedda, Smeriglio, Uras, Ragosta, Stefàno, Socialisti e Verdi per formare una lista di cui girano già bozzetti del simbolo e un nome: “Sinistra e progresso”. Dovrebbe essere questa una delle tre “gambe” a sostegno del Pd. L’ala sinistra di Cp, con Marco Furfaro, Ciccio Ferrara (e forse anche Laura Boldrini che però non ha ancora sciolto la riserva) sembra già avviata sul sentiero che conduce a Liberi e uguali di Bersani e Grasso. Più difficile capire cosa farà lo stesso Giuliano Pisapia. L’ipotesi più probabile è che resti fuori dall’agone politico anche se Romano Prodi continua a insistere sulla necessità della sua presenza nel centro-sinistra.

La scissione di Ap
Non sarà indolore neppure la decisione di Angelino Alfano che ha annunciato di non volersi candidare alle prossime elezioni. Alternativa popolare sembra essere destinata alla scissione. Una parte, con Pier Ferdinando Casini e Beatrice
Lorenzin in testa, formerà una lista centrista di appoggio al Pd. Mentre l’ala “lombarda” del partito sembra avviarsi alla confluenza con Forza Italia con la quale già governa proprio in Lombardia. Non è un caso che il capogruppo alla Camera Maurizio Lupi sia stato intercettato durante un incontro nella sede dei gruppi centristi alla Camera (insieme al vice coordinatore di Ap Antonio Gentile) con il presidente di Direzione Italia Raffaele Fitto, anche lui ri-attratto nell’orbita di Silvio Berlusconi.

© Riproduzione riservata